Vaccini, una legge per tutelare gli indifesi

Lo scorso 27 luglio, non senza polemiche e proteste, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva la legge sui vaccini obbligatori. Il decreto è stato approvato con 296 voti favorevoli dalla maggioranza, 92 contrari e allineati e compatti Lega Nord e M5 Stelle, 15 astenuti. Sono soddisfatto di questo risultato e di fronte alla disinformazione che corre in rete o portata avanti da comitati di cittadini, ribadisco l'approfondimento e la serietà con la quale abbiamo affrontato il tema. e parlo con cognizione di causa, facendo parte della Commissione Affari Sociali.

Purtroppo sono state diffuse molte notizie false, prive di qualunque fondamento scientifico, che hanno descritto i vaccini come pericolosi per la salute. Lo ripeto: si trattadi notizie false e prive di riscontri scientifici. Il fronte dei no-vax ripeteva come un mantra tre tesi rivelatesitotalmente false. I vaccini possono dare reazioni allergiche e provocare gravi disturbi, come ad esempio l'autismo. Seconda tesi degli anti-vaccinisti: lo Stato prevede l'obbligo vaccinale per fare un "regalo" alle lobby delle case farmaceutiche. Terza falsità: i bambini si autoimmunizzano senza ricevere alcun vaccino. E' tutto falso. Sul primo argomento non esistono, in Italia e nemmeno all'estero, pubblicazione che dimostrino la correlazione fra vaccini e malattie. Sul secondo argomento, di natura economica, basta uno sguardo alle cifre: in Italia si spendono circa 30 miliardi per i farmaci, per i vaccini circa 300 milioni, mentre il mercato degli antibiotici vale un miliardo e molto spesso una gran parte dei farmaci rimane inutilizzato nei nostri armadietti!   Leggi l'articolo completo