Festa de l'Unità a Paderno. Grazie a tutti i volontari

Dopo 17 anni è tornata a Paderno Dugnano la festa de l'Unità. Grazie all'impegno del circolo Pd locale, del coordinamento di zona e soprattutto dei volontari siamo riusciti a riproporre un evento politico di livello. Intelligente per i temi trattati, approfondito per gli ospiti invitati. Nonostante il freddo di alcune serate, la partecipazione è stata buona. La conclusione: uno straordinario dibattito sul Sì al referendum insieme al capogruppo della Camera on.le Ettore Rosato. Grazie a tutti, davvero, per l'impegno e al prossimo anno!

Festa dell'Unità a Paderno...

Tre ottime ragioni per partecipare

Nel prossimo fine settimana, venerdì 7, sabato 8 e domenica 9 ottobre, a Paderno Dugnano si terrà la Festa de l'Unità. Si tratta di un momento unico, importante e vitale per riportare al centro del dibattito un modo aperto e democratico di discutere e fare politica.

Parteciperò con entusiasmo alla tre giorni di incontri e dibattiti per dare il mio contributo di pensiero e per incontrare tutti i padernesi che vorranno intervenire. Tre sono le ottime ragioni che propongo per partecipare alla festa de l'Unità promossa dal circolo Pd locale e per invitare i cittadini, le famiglie e le associazioni.

La prima ragione: la festa d'inaugurazione (venerdì 7 alle 18) con la proiezione del cortometraggio "Altrove". Due ragazzi padernesi hanno raccontato, senza buonismi e con coraggio, il mondo della sindrome down. Si tratta di un contributo culturale e sociale davvero notevole che sta facento il giro del mondo. Sarà la testimonianza video per discutere di accoglienza e autonomia. Fra le tante cose porterò il frutto del lavoro parlamentare sfociato con la legge sul Dopo di Noi e la mia proposta di legge 2233 per una migliore salute mentale.

La seconda ragione per partecipare alla festa. Sabato 8 ottobre parleremo di Salute nel nostro territorio del nord Milano e, in serata (alle ore 21), parleremo di Europa. Viviamo con un'Europa madre o matrigna? Le istituzioni dell'Unione sono in grado di raccogliere le difficili sfide del nostro tempo? La crisi economica e le migrazioni fra tutte. Ne parleremo con l'on.le Patrizia Toia, capodelegazione del PD al Parlamento di Strasburgo.

La terza ragione: domenica 9 ottobre concludiamo la festa de l'Unità affrontando il tema della riforma costituzionale. Le ragioni del Sì approfondite insieme all'onorevole Daniela Gasparini e all'on.le Ettore Rosato, il capogruppo Pd alla Camera dei Deputati. In questa occasione mi auguro di incontrare tantissimi cittadini, non solo sostenitori del Sì al referendum del 4 dicembre, ma anche chi ancora non si è costruito un'opinione precisa nel merito. Sarà un dibattito davvero aperto a tutti!

Vi aspetto numerosi alla Festa de l'Unità di Paderno Dugnano

on.le Ezio Casati

Roma merita di essere amministrata

EDITORIALE - In queste settimane il dibattito politico viene monopolizzato dai problemi della Giunta di Roma targata Movimento 5Stelle. Mi sembra del tutto evidente che agitare complotti e accusare "poteri forti" non potrà mai nascondere un dato oggettivo davanti agli occhi di tutti. Ad oltre ottanta giorni dalle elezioni Roma non ha ancora una giunta operativa ed un'amministrazione efficace. Non mi schiererò fra quanti attacccano l'impreparazione e il dilettantismo di certi atteggiamenti, convinti che il fallimento dei 5Stelle rappresenti una loro vittoria, dico solo che la città di Roma ed i cittadini romani meritano di essere amministrati.

Lasciamo lavorare la sindaca Raggi, saranno i cittadini a giudicare del suo operato. Anche se non possiamo esimerci dal porci alcune domande. A Roma chi decide sulle cariche e sulle nomine? La sindaca? I consiglieri comunali? Ed ancora: gli eletti dai cittadini sono autonomi o sono "telecomandati"? E da chi? Dai bilanciamenti dentro il M5S, da Grillo, dalla Casaleggio associati, dalle lobby romane e no, dalla massoneria e da qualche reduce delle giunte di destra Alemanno e Polverini?. E mi astengo dal parlare di rifiuti!  (Roma, 15 settembre 2016)

Festa Unità 2016, solidarietà ai colpiti dal terremoto

S'inaugura oggi, venerdì 26 agosto, la Festa de l'Unità di Milano. E' un appuntamento tradizionale della politica, dello stare insieme, del discutere e approfondire. In questi momenti drammatici per le popolazioni colpite dal terremoto del Centro Italia siamo tutti in ansia e vogliamo dare il nostro contributo di solidarietà. Ecco perchè in tutte le feste dell'Unità italiane il Pd ha predisposto raccolte fondi. Vogliamo stare uniti e sostenere con generosità la protezione Civile, i volontari e sopratutto le famiglie colpite dal sisma.

All'interno dell'area della Festa milanese dell'Unità, che quest'anno si terrà presso lo Scalo di Porta Romana, sarà predisposto un punto di raccolta fondi, materiali e generi di prima necessità. Non solo il PD metropolitano ha deciso di predisporre, sempre alla Festa, un punto di raccolta fondi a sostegno delle popolazioni coinvolte dal sisma. Il PD metropolitano milanese aderisce, inoltre, all'iniziativa lanciata da Slow Food sulla pasta all'amatriciana: un euro a piatto sarà devoluto dal partito ed un euro dal cliente.

Nel frattempo è possibile aderire alla raccolta avviata dal PD nazionare e attivare una donazione tramite il conto corrente bancario intestato a:

Partito Democratico - Iban IT 96 H 01030 0320000000 6365314
Causale Partito democratico raccolta fondi per terremoto - via S. Andrea delle fratte 1, 00187 Roma

L'edizione 2016 della Festa si prospetta, come al solito, densa di eventi e dibattiti interessanti. Ci aspettano diciassette giorni di politica, cultura e attualità, oltre settanta dibattiti, circa 500 relatori e altrettanti volontari di tutte le età e i concerti gratuiti de I Musici di Francesco Guccini, Dear Jack, Le sorelle Marinetti, Spazio Petardo e molti altri.

Tra le novità di quest’anno il cinema all’aperto con la proiezione gratuita di sei pellicole e l’area bimbi, sport e giostre. Non mancheranno, come di consueto, la buona cucina del ristorante “I sapori de l’Unità”, il bar “Bella ciao, Milano”, il “Chiringuito” e i diversi stand di street food. Desidero segnalare, infine, la mia presenza al dibattito "No slot, lotta al gioco d'azzardo" che si terrà martedì 30 agosto, alle ore 18,30, presso lo spazio dibattiti "Altiero Spinelli". (Milano, 26 agosto 2016)



EDITORIALE - Nizza, la Turchia e noi Europei

La strage di Nizza, ennesimo e drammatico atto del terrorismo jihadista, colpisce tutti noi Europei, non solo la Francia. Colpiti nei nostri valori, nei nostri ideali di libertà, eguaglianza, democrazia e integrazione, dobbiamo reagire senza rinunciare alla nostra cultura e al nostro sistema di vita.

Si tratta di un folle atto che rischia di dividerci tra favorevoli e contrari all'accoglienza mentre tutti noi europei dobbiamo restare uniti e condannare questa ferocia. Insieme dobbiamo chiedere maggiore vigilanza, maggiore intelligence e prevenzione europea, e chiedere alle autorità islamiche di fare di più. Non è sufficiente condannare, bisogna isolare e denunciare i radicalizzati!  Leggi tutto l'editoriale