Pane, un patrimonio italiano da tutelare

Lo scorso 6 dicembre la Camera ha approvato una proposta di legge sulle "Disposizioni in materia di produzione e vendita del pane". Gli obiettivi della legge sono, fondamentalmente, tre: tutelare il ricco patrimonio del pane artigianale italiano, regolamentare la produzione del pane fresco, dare trasparenza ai consumatori. Voglio ricordare che il pane fresco italiano, con circa 200 specialità diverse, rappresenta un patrimonio ricco e importante. Si tratta di un settore che vale 7 miliardi di euro all'anno, impiega 400mila addetti (soprattutto panifici di famiglia) e vanta 25mila imprese. Tutti i giorni questi panificatori sfornano 100 kg di pane a panificio. 

Per loro e per garantire alle famiglie che sulle loro tavole arrivino sempre prodotti sani e garantiti occorre rendere trasparente il mercato e normare con precisione, per evitare confusioni fra pane fresco e prodotti intermedi. 

In allegato il dossier di approfondimento

Maxibollette a conguaglio, tuteliamo i consumatori

Stop ai maxiconguagli. Lo scorso 5 dicembre alla Camera abbiamo approvato con voto unanime (363 favorevoli, nessun contrario e un solo astenuto) il progetto a tutela dei consumatori e degli utenti di gas, luce e acqua. La proposta di legge, che dovrà passare al Senato, si compone di due soli articoli. In primo luogo si definisce come «pratica commerciale contraria ai principi di buona fede, correttezza e lealtà l'emissione di fatture a debito nei riguardi dell'utente per conguagli riferiti a periodi maggiori di due anni», per i contratti di fornitura di elettricità, gas e acqua. 

In pratica, dalla data di entrata in vigore della legge non ci potranno essere più maxiconguagli riferiti a bollette della luce per periodi superiori a un biennio. Dal primo gennaio 2019 la norma sarà estesa al settore gas e dal primo gennaio 2020 al servizio idrico. Il testo di legge stabilisce, inoltre, che l'intimazione di pagamento immediato della somma a conguaglio costituisce pratica commerciale aggressiva, in quanto la minaccia di distacco può esercitare un indebito condizionamento sulla volontà dell'utente. Un emendamento in aula ha esteso le norme a tutela dei consumatori anche ai professionisti e alle microimprese. Infine: cittadini avranno il diritto di rateizzare il conguaglio.

In allegato il dossier di approfondimento

Decreto fiscale 2017, tutte le novità!

PIU' ECONOMIA, DIRITTI E TUTELE 

Lo scorso 30 novembre la Camera ha convertito, definitivamente in legge, il decreto n° 148 - 2017. Si tratta del cosidetto Decreto fiscale 2017, che insieme alla legge di Bilancio, andrà a costituire la Manovra finanziaria per il prossimo anno 2018. Tante sono le novità per i cittadini e le famiglie, in un contesto, dove finalmente si registra l'inizio della fine della crisi economica. Gli indicatori economici sono tutti positivi: il Pil in crescita all' 1,6, per quest'anno 2017, e all'1,5 nel 2018, con una disoccupazione in calo. Certo il disagio sociale e le povertà non sono sconfitte, ma finalmente l'Italia ha i numeri per rafforzarsi e progettare le basi future.

Il decreto fiscale, anticipazione della Manovra 2018, contiene numerose misure che vanno nella direzione di rafforzare la nostra economia tutelando il lavoro, le famiglie, le imprese e i territori.

Vediamo nel dettaglio quali sono:


 PER I CITTADINI, I PROFESSIONISTI E LE IMPRESE

1. Rottamazione delle cartelle esattoriali. 
Estensione della domanda di rottamazione per i contribuenti che non l’avevano presentata o lo avevano fatto in modo irregolare. Nuove estensioni per le cartelle formate alla data del 30 settembre 2017. Si tratta quindi di misure che aiutano tutti coloro i quali, cittadini o imprese, non erano riusciti ad aderire alla rottamazione o avevano saltato delle rate. A questi cittadini tendiamo nuovamente la mano, senza aggravi.

2. Stop alla fatturazione a 28 giorni per telefonia e pay tv.
Questa misura, frutto di una giusta battaglia condotta dal PD, contestava ai colossi della telefonia il modo "furbesco" di fatturare. Utilizzando lo stratagemma di una fattura ogni 28 giorni riuscivano ad avere, dai clienti, una fattura in più ogni anno! Ora le compagnie saranno costrette a fatturare solo al 30 del mese!

3. Spesometro. 
Semplificazione per le imprese degli adempimenti fiscali e trasmissione dei dati annuale o semestrale, con possibilità di invio cumulativo delle fatture fino a 300 euro. Abolite le sanzioni per chi ha commesso errori nell’invio dei dati delle fatture. Si potranno inviare di nuovo i dati corretti entro febbraio 2018.

4. Equo compenso
Si introduce per gli avvocati, e altri professionisti,  l’equo compenso nei rapporti con grandi imprese, banche, assicurazioni e Pubblica Amministrazione.

5. 500 milioni per le PMI. 
Il fondo di garanzia per le Pmi viene incrementato di 500 milioni di euro per il biennio 2017-18. Viene autorizzata la Cassa depositi e prestiti ad intervenire sul fondo, integrandolo con ulteriori risorse.

6. Scongiurato l'aumento IVa
Con la messa a disposizione di risorse, anche per il 2018, l'aumento dell'IVA viene scongiurato.
 
PER LE FAMIGLIE E IL SOCIALE

7. Uscita dei minori di 14 anni da scuola. 
I genitori possono autorizzare le istituzioni scolastiche a consentire l’uscita autonoma dei ragazzi da scuola e ad utilizzare i mezzi di trasporto (scuolabus).

8. Ulteriore detrazione per gli affitti degli studenti universitari. 
La norma vigente prevede la possibilità di detrarre la spesa per coloro che vivono oltre i 100 km dalla sede universitaria ma in un’altra provincia. Con la modifica si elimina il confine provinciale, permane la distanza di 100 km per tutti, ma si riduce a 50 km la distanza per chi risiede in aree montane e disagiate.

9. Nuove assunzioni nel comparto difesa e sicurezza, e quindi più poliziotti e carabinieri per le strade, a difesa dei cittadini.

10. Il reato di stalking non potrà più essere estinto a fronte di un risarcimento economico.

11. Sanità. 
Detraibilità del costo degli alimenti speciali per pazienti affetti da patologie nutrizionali, in via sperimentale per due anni; potenziati gli obiettivi strategici di piano iniziali riguardanti la cura dei tumori tramite l’adroterapia; introduzione regolamentata della cannabis a fini terapeutici.
 
PER IL TERRITORIO, PER I TRASPORTI

12. Calamità naturali. 
Garantita la sospensione degli obblighi fiscali per le aree colpite dal sisma in Centro Italia nel 2016; favorevoli misure per l’adempimento degli obblighi tributari e contributivi a Ischia, in seguito al terremoto di quest’estate; sospensione degli obblighi fiscali anche per i contribuenti del comune di Livorno che, in seguito alla recente alluvione, hanno presentato dichiarazione di inagibilità della casa di abitazione, dello studio professionale o dell’azienda.

13. Edilizia post sisma 
Nessuno sgombero, nelle zone terremotate, fino a quando non si ha una soluzione alternativa.

14. 5x1000 per i parchi. 
A decorrere dal 2018 una quota pari al 5 x 1000 dell’imposta Irpef potrà essere destinata anche a sostegno degli enti gestori delle aree protette.

15. Trasporti. 
Nuovi fondi sono previsti per la sicurezza dei trasporti e per la continuità territoriale con la Sardegna.

16. Fiume Po. 
Interventi immediati di manutenzione straordinaria e ordinaria necessari a garantire il transito dei mezzi tra le due sponde del fiume, oggi in parte precluso.

In allegato un dossier approfondito sul Decreto fiscale 2017